Tecnologie di rilevazione della temperatura: telecamere termografiche (5/5)

Tecnologie di rilevazione della temperatura: telecamere termografiche (5/5)

Il Covid-19 ha messo aziende, ristoranti e uffici pubblici nelle condizioni di dover prendere provvedimenti per garantire la sicurezza di clienti e collaboratori.

I sistemi di rilevazione della temperatura sono diventati essenziali strumenti di controllo per aumentare sensibilmente a intercettare persone che presentino uno dei sintomi più comuni ed evidenti del nuovo coronavirus: la febbre.

Abbiamo analizzato diversi sistemi che si adattano a condizioni e contesti differenti: dal termometro a contatto fino ai termoscanner termototem.

Ognuno ha mostrato vantaggi e svantaggi: ora è il momento di analizzare le telecamere termografiche, strumenti potenti installati e integrati in un impianto che consente enormi vantaggi in termini di sicurezza, affidabilità ed efficienza.

Telecamere Termografiche

Una telecamera termografica è in grado di analizzare con grande precisione la temperatura corporea di più persone contemporaneamente, identificando istantaneamente tra queste i casi di febbre minimizzando così il rischio di potenziale contagio da coronavirus di cui la febbre è uno dei primi sintomi.

Proprio per questo trova il suo impiego presso banche, studi medici, luoghi pubblici turistici, farmacie, enti governativi, ospedali, case di riposo, scuole e università, edifici di ogni dimensione con uffici o magazzini, negozi, supermercati, binari ferroviari, tutti luoghi dove sarebbe pressochè impossibile il controllo ad ogni varco di ogni singolo utente.

La termocamera supporta infatti la misurazione della temperatura senza contatto che consente di misurare accuratamente la temperatura a partire da 1 metro di distanza riducendo cosi il rischio di infezione derivante dal contatto fisico di un eventuale operatore.

Queste telecamere eseguono inoltre una rilevazione del volto, tecnologia che permette di escludere qualsiasi tipo di falso allarme generato da altre fonti di calore (sigarette, bevande calde, etc.. ).

Considerati i possibili elementi di disturbo (fattori ambientali quali il posizionamento della telecamera sotto un flusso di aria condizionata o in prossimità di un termosifone, o ancora le forti escursioni termiche che possono condizionare, anche se solo temporaneamente, la rilevazione della temperatura) può essere utilizzato in campo un dispositivo di calibrazione complementare, chiamato anche black-body.

Questo altro non è che uno strumento che grazie all’emissione di una precisa radiazione infrarossa permette di avere un riferimento termico costante per la telecamera, permettendole in questo modo di rimanere sempre calibrata ed abbassando la tolleranza di rilevazione fino a 0,3° C.

In conclusione, una telecamera termica può rivelarsi la soluzione più performante sotto ogni profilo per la protezione dei tuoi dipendenti e dei tuoi clienti, sempre a patto che vengano rispettate determinate condizioni di installazione, garantite dall’intervento di un tecnico qualificato e capace.

Parleremo o abbiamo parlato di:

 

CONTATTA ABES SOLUTIONS

ABES Solutions nasce per fornire supporto tecnico-normativo in tutte le fasi che un professionista, un impresa o uno studio devono affrontare nella progettazione, nell’installazione e nella gestione di un impianto di sicurezza, sia questo antintrusione, antincendio o di controllo.